ACCUMOLI – AMATRICE (RI), I DIPINTI SU TELA

Le opere pittoriche che costituiscono questo gruppo di dipinti su tela provengono dalla zona del reatino e precisamente dai comuni di Accumoli e Amatrice, luoghi di congiunzione tra le direttrici che conducono non solo a Rieti, Roma e Ascoli Piceno, ma anche a L’Aquila.

Le opere pittoriche che costituiscono questo gruppo di dipinti su tela provengono dalla zona del reatino e precisamente dai comuni di Accumoli e Amatrice, luoghi di congiunzione tra le direttrici che conducono non solo a Rieti, Roma e Ascoli Piceno, ma anche a L’Aquila. Queste zone rappresentano crocevia di linguaggi artistici che influenzano fortemente la pittura locale, di cui sono testimonianza questi dipinti, tutti provenienti da frazioni limitrofe ai comuni di appartenenza. La tecnica utilizzata è olio su tela.

  • Madonna del latte tra i santi Fortunato e Antonio Abate, XVIII sec proveniente dalla Chiesa di Santa Maria Liberatrice a Pinaco Arafranca (fig.1)
  • Madonna con bambino e i santi Francesco ed Emidio – XVII sec e I santi Antonio abate, Girolamo, Lorenzo e Domenico intercedono per le anime del Purgatorio -1750, entrambi provenienti dalla Chiesa di Sant’Emidio a Poggio Vitellino (fig.2 e 3)
  • Madonna di Loreto e committenti -1657 e Santo vescovo -XVIII sec, entrambi provenienti dalla Chiesa di San Lorenzo Martire a Villa San Lorenzo a Flaviano (fig. 4 e 5)
  • S. Nicola di Bari adora il Crocifisso -XVII sec., proveniente dalla Chiesa di San Giovenale a Roccasalli (fig.6)
  • Apparizione di Cristo a due Santi -XVII sec proveniente dalla Chiesa di San Giovanni a San Giovanni (fig. 7)
  • Crocifissione con la Madonna e santa Maria Maddalena – XX sec proveniente dalla Chiesa di San Michele Arcangelo a Sant’Angelo (fig. 8)
  • San Pietro e San Paolo Apostoli – XIX sec , dipinti entrambi provenienti dalla Chiesa di San Sebastiano Martire a Scai (fig. 9)
  • San Giorgio a cavallo – XVI sec, proveniente dalla Chiesa di San Giorgio a Terracino (fig. 10)
Gruppo di dipinti su tela dal Deposito di Cittaducale, Rieti - INTERVENTI REGIONE LAZIO

I danni e lo stato di conservazione

Le opere recuperate e trasportate presso il deposito di appartenenza, presentano alcuni danni importanti occorsi a causa dell’evento sismico. Ad esempio, la tela raffigurante S. Pietro apostolo ha gravi lacerazioni in corrispondenza della veste. Anche la cornice intagliata e dorata, oltre ad una generale sedimentazione di materiale incoerente, mostra alcune mancanze lignee nell’elemento floreale sul regolo superiore.

Gruppo di dipinti su tela dal Deposito di Cittaducale, Rieti - Fig
Gruppo di dipinti su tela dal Deposito di Cittaducale, Rieti - Fig (1)
Gruppo di dipinti su tela dal Deposito di Cittaducale, Rieti - Fig (2)

Su alcune opere sono presenti anche gravi fenomeni di deformazione della tela, come nel dipinto raffigurante la Crocifissione con la Madonna e santa Maria Maddalena, quasi irriconoscibile rispetto all’originale.

Gruppo di dipinti su tela dal Deposito di Cittaducale, Rieti - Tela a confronto fig

IL PROGETTO DI RESTAURO

Il progetto di restauro del gruppo di opere mobili su tela custodite presso il deposito reatino di Cittaducale fa parte della più ampia programmazione di restauro dei beni custoditi nei depositi allestiti durante l’emergenza, con l’obiettivo di restituire tale patrimonio culturale alla pubblica fruizione.

In particolare nel reatino tali attività sono state coordinate in accordo con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Frosinone, Latina e Rieti, e sono state bene illustrate nella mostra Rinascite. Opere d’arte salvate dal sisma di Amatrice e Accumoli. 17/11/17-11/02/18, Terme di Diocleziano, Roma (qui il contributo a cura di RAICultura). L’obiettivo finale del progetto è restituire le opere alla comunità e sostenere la rifunzionalizzazione dei luoghi di appartenenza.

Le operazioni previste dall’intervento generale di restauro consisteranno nelle seguenti fasi di lavoro:

  • Interventi Conoscitivi e di Documentazione
    rilevamento dello stato di conservazione, degli interventi di restauro e della tecnica di esecuzione dei manufatti; saggi diagnostici, documentazione fotografica
  • Interventi Conservativi
    operazioni di disinfezione e disinfestazione, pulitura del verso e degli strati superficiali, consolidamento di pellicola pittorica, strati preparatori e supporto, restauro delle cornici lignee (se presenti), operazioni di protezione superficiale e presentazione estetica quali stuccatura, reintegrazione pittorica e verniciatura
  • Operazioni finali
    montaggio delle cornici (se presenti), redazione della relazione tecnica finale del restauro e inserimento della scheda di restauro relativa al bene nel Sistema Informativo Territoriale Carta del Rischio.

Ulteriori aggiornamenti sul progetto saranno pubblicati su questa pagina.

Il presente progetto rientra tra gli interventi programmati con il sostegno dei fondi raccolti attraverso Art Bonus per il Terremoto.

Luoghi di provenienza dei beni

Il progetto riguarda beni provenienti da alcuni dei seguenti luoghi; Esplora indica la possibilità di approfondire e conoscere ulteriori dettagli sull’immobile:

ROCCASALLI
ACCUMOLI (RI)


CHIESA DI
SAN GIOVENALE


DETTAGLIO
IMMOBILE

S. LORENZO A FLAVIANO
AMATRICE (RI)


CHIESA DI
SAN LORENZO
MARTIRE


DETTAGLIO
IMMOBILE

PINACO ARAFRANCA
AMATRICE (RI)


CHIESA DI
SANTA MARIA LIBERATRICE


DETTAGLIO
IMMOBILE

SAN GIOVANNI
ACCUMOLI (RI)


CHIESA DI
SAN GIOVANNI


DETTAGLIO
IMMOBILE

SCAI
AMATRICE (RI)


CHIESA DI
SAN SEBASTIANO
MARTIRE


DETTAGLIO
IMMOBILE

POGGIO VITELLINO
AMATRICE (RI)


CHIESA DI
SANT’EMIDIO


DETTAGLIO
IMMOBILE

TERRACINO
ACCUMOLI (RI)


CHIESA DI
SAN GIORGIO


DETTAGLIO
IMMOBILE

SANT’ANGELO
AMATRICE (RI)


CHIESA DI
SAN MICHELE ARCANGELO


DETTAGLIO
IMMOBILE

Ultimo aggiornamento

1 Ottobre 2021, 14:04