Norcia: messa di Natale nella Concattedrale di Santa Maria Argentea; mons. Boccardo “essenziale non perdere speranza”

L’Arcivescovo  di Spoleto-Norcia, mons. Renato Boccardo

La mattina del 25 dicembre, sarà celebrata all’interno della gravemente colpita dal sisma Concattedrale di Santa Maria Argentea la messa di Natale. A confermare l’appuntamento è l’arcivescovo di Spoleto-Norcia, mons. Renato Boccardo che si occuperà di celebrare la funzione prevista a Norcia in modo simile a quanto avvenuto a San Salvatore in Campi l’agosto dello scorso anno.

L’ingresso alla celebrazione sarà libero fino al completamento dei 90 posti a sedere come previsti dal piano sicurezza ma, per l’occasione, nella antistante piazza di San Benedetto verrà allestito un maxi schermo a beneficio dei fedeli.

Il contenuto di questo raccogliersi tra le mura della Concattedrale profondamente ferita dai terremoti del 2016” — ha spiegato mons. Boccardo – “è un atto di fede, un gesto di speranza e un’implorazione. Per i terremotati essenziale è non perdere la speranza e vedere delle realizzazioni concrete, come tornare nelle proprie case e riappropriarsi del proprio lavoro, ma anche dei luoghi della vita comune“.

Il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno

Sarà un momento di grande emozione per la nostra gente poter rientrare la mattina di Natale a Santa Maria Argentea ferita dal sisma” dice il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno che si concedei un attimo di riflessione: “Ritornare a calpestare quel pavimento e trovarsi di fonte intatto l’affresco della Vergine con Bambino tra San Benedetto e Santa Scolastica e scoprire che è intatto è stato veramente un tuffo al cuore e trasmette un messaggio di speranza e fiducia” – proseguendo – “San Benedetto tiene in mano la sua città e noi, suoi concittadini, dobbiamo riuscire a consegnare alle nuove generazioni una più bella e più sicura di prima“.