Al fine di illustrare le proprie esperienze nel porre in sicurezza le opere salvate durante le fasi di recupero, nel restaurare il patrimonio danneggiato dal sisma e nel salvaguardare il patrimonio culturale, l’Ufficio del Soprintendente Speciale è stato coinvolto nella presentazione ad Ancona del Progetto OPHERA (Opening cultural heritage to communities during the central – Italy post – earthquake restoration process. Digital technologies and new competencies for cultural professionals), un progetto finanziato nell’ambito di Europa Creativa dedicato all’apertura del patrimonio culturale alle comunità durante i processi di restauro post-sisma 2016.

OPHERA - MIBACT UE

Il progetto – che vede il Segretariato Regionale per le Marche come capofila e le Università di Ferrara, Lubiana, Cipro e Minho quali partner associati – nasce per valorizzare, in quanto espressione culturale, il processo di restauro dei beni culturali in atto nelle aree della Regione Marche colpite dal Sisma 2016 e per favorire lo scambio culturale tra le professionalità del restauro e un più ampio pubblico, composto da cittadini, turisti, amministratori locali, studenti e associazioni culturali.

Generalmente i valori culturali insiti nei processi di restauro, caratterizzati da un ricco pattern di competenze e (in certi casi) da un apporto creativo, sono visibili solo agli ambiti professionali; OPHERA vuole favorire lo scambio culturale tra le professionalità del restauro e un più ampio pubblico e, al contempo, richiamare l’attenzione europea sulle attività di ricostruzione in corso nei territori italiani colpiti dagli eventi sismici del 2016 e del 2017.

Trasformare l’intervento di restauro in un evento culturale, con la consapevolezza che il recupero del patrimonio costituisce un percorso a lungo termine che deve essere trasparente e partecipato.

Le fasi del Progetto OPHERA

Il progetto prevede la selezione di un team multidisciplinare di operatori che verranno prima, formati tramite tre workshop che si terranno a Lymassol (Cipro), Guimaraes (Portogallo) e Camerino (Italia) dedicati ad approfondire i temi strategici dei metodi di prevenzione – monitoraggio e delle tecnologie digitali e successivamente, coinvolti nell’organizzazione di due giornate open-day di apertura dei cantieri di restauro individuati nell’area cratere della Regione Marche per condividere e mostrare al pubblico i valori culturali insiti nei processi di restauro.

Lungo tutto il periodo di svolgimento del progetto saranno inoltre previste attività di sensibilizzazione e diffusione dei risultati e pubblicazione di materiali di studio e approfondimento, liberamente accessibili attraverso i media partner locali, nazionali ed europei, il Sito di Riferimento e i dedicati canali Social Facebook, Istagram e Youtube.

Per maggiori informazioni sul progetto invitiamo alla consultazione delle apposite Slide predisposte dal Segretariato Regionale delle Marche.
Per maggiori informazioni sulla giornata di presentazione ad Ancona invitiamo a consultare il Programma e a leggere l’apposito articolo predisposto dall’Ufficio.

Ophera - Kick-off meeting